Tag Archives: INTRO

2exam bEt // INTRO

27 Dec

Ciao a tutti e benvenuti al primo post INFO che scrivo !

Cos’è un post intro?
E’ un post in cui introduco e spiego la sfida che mi sto ponendo. Posso sfidarmi a imparare una nuova abitudine o a raggiungere un qualsiasi risultato. Le sfide sono il cuore pulsante di gogogos. Il post info è il post in cui introduco l’argomento

Cosa si trova nel post INTRO ?
Troverai alcune informazioni necessarie e basilari per comprendere cosa sto per fare e perchè. Ecco una lista di cio che trovi generalmente in un post info:

  1. Introduzione aperta. In questa parte spiego e introduco in modo confuso e creativo cio che mi sfido a fare
  2. Mappa. La mappa è un’invenzione strategica e geniale di connettere il percorso a tappe per raggiungere un obiettivo alla fantastica metafora del viaggio. Un viaggio è diviso in molte tappe (in questo post trovate la mappa Roma-Mosca). Anche l’aquisizione di una nuova abitudine o il raggiungimento di un nuovo risultato necessitano di una mappa e di tappe intermedi. Scorri il post per trovare un piccolo chiarimento sul concetto di mappa
  3. Gasoline. In questa sezione trovi la “benzina”. La benzina è cio che fa muovere una macchina. Senza benzina non ci si sposta. Così come la benzina, io necessito di un carburante. La benzina che ho è il più illimitata possibile. In questa sezione trovate le motivazioni che mi spingono ad agire ovvero tutte le risposte alla domanda: <<perchè lo fai?>>

 

LA MAPPA

La mappa è qualcosa che indica il tragitto che se seguito ti porterà da dove sei a dove vuoi arrivare.
La metafora della mappa me l’ha data Anthony Robbins che immagino abbia preso dalla PNL e ancor prima chissà da chi.
Una buona mappa deve contenere tre cose:

  1. la posizione di partenza. Questa è l’informazione più utile. Infatti ogni mappa bellissima che non contiene il punto di partenza è una mappa inutile.
  2. la posizione di arrivo. Questa è la meta. E’ cio che sognando ogni notte ispirerà il nostro viaggio. Portando la metafora della mappa al concetto di “raggiungimento dei propri obiettivi”, l’arrivo diventa “il raggiungimento dell’obiettivo”;
  3. il tragitto. Questo ci aiuterà a conoscere i posti dove ci “fermeremo a pernottare”. Nelle bEt il “tragitto” è rappresentato da una serie di traguardi intermedi che precederanno dei piccoli premi che a loro volta mi motiveranno a continuare il viaggio. Il tragitto contiene sempre l’elenco delle tappe intermedie

Ecco la mappa di 2exam (la sfida di oggi):

1.PARTENZA

La partenza metaforica è Roma (città in cui attualmente pernotto spesso). La partenza della sfida è rappresentata dalla situazione psichica relativa alle credenze e alle aspettative e qualità di cui sono in possesso. Ecco il mio punto di partenza sincero e reale:

  • la sociologia mi annoia;
  • leggere libri di sociologia mi annoia;
  • periodicamente l’entusiasmo di studiare ogni giorno finisce dopo 2 minuti;
  • sono riuscito a passare gli esami in precedenza solo grazie ad un duro sforzo;
  • lo sforzo di studiare la sociologia è pareggiabile a pochi sforzi che conosco;
  • il sol pensarmi a studiare mi fa venire sonno;
  • ho sempre studiato male;
  • leggo lentamente specie se l’argomento non mi interessa;
  • rimando sempre l’inizio dello studio pensando che se ho meno tempo sarò più motivato;
  • mi ritrovo sempre con l’acqua alla gola prima degli esami;
  • non rispetto mai la disciplina di studio;
  • non mi piace sintetizzare;
  • reputo le idee del 100% dei sociologi che ho fino ad ora conosciuto troppo antiquate per suscitare la mia eccitazione;
  • reputo la sociologia una materia inutile; (mi scuso con me stesso e cono tutti i sociologi che leggeranno ma so che la sociologia è utile e bella ma emotivamente, forse per una sorta di tattica “psicodifensativa” la “ripudio”. Devo però essere schietto nei miei post perchè altrimenti diventano un pur parlè)
  • che noia studiare sociologia.

Aver espresso realmente il mio punto di partenza aiuterà il mio falso ottimismo a prendere il sopravvento falsamente per trovarsi continuamente deluso. Sapendo che la stazione di partenza è malridotta posso calibrare meglio i miei colpi strada facendo.

2.ARRIVO
Bè, descrivere la meta è semplice: voglio fare almeno 2 esami universitari prima della chiusura della sessione d’appelli invernali (febbraio circa). Nel viaggio invece, la meta è Mosca (che bellooooo 🙂 ) sono curioso di visitarla.

3.TRAGITTO
I due esami universitari (studio sociologia) che mi propongo di fare con questa bEt sono composti da 5 libri. Sommando le pagine ho calcolato che ho circa 1000 pagine. Voglio spalmare queste pagine su 20 giorni. Con una semplice divisione ottengo: 50 pagine al giorno. Se 50 pagine per 20 mi porteranno alla meta reale, 20 tappe intermedie dovrebbero bastare per raggiungere Mosca da Parigi. Ecco l’elenco delle 20 tappe che percorrerò nella mia metafora del viaggio:

  1. Roma – 50pg
  2. Bologna – 100pg
  3. Genova – 150pg
  4. … – 200pg
  5. … – 250pg
  6. … – 300pg
  7. … – 350pg
  8. … – 400pg
  9. … – 450pg
  10. … – 500pg
  11. … – 550pg
  12. … – 600pg
  13. … – 650pg
  14. … – 700pg
  15. … – 750pg
  16. … – 800pg
  17. … – 850pg
  18. … – 900pg
  19. … – 950pg
  20. Mosca – 1000pg

Se vedete una sfilza di puntini è perchè sto scrivendo questo post alle 2 di notte e non voglio cercare tutte le tappe intermedie ma questo stimolerà ancora di più il piacere di aggiornarvi strada facendo sul mio viaggio. Quindi rimanete in contatto con gogogos per tenervi aggiornati sul mio viaggio.

 

GASOLINE

Ripeto che gasoline è il mio modo di chiamare i <<perchè?>>. In PNL, Anthony Robbins e ogni altro pensatore che abbia la testa sulle spalle sa bene che ogni cosa ha una motivazione. Io studio per qualcosa ed è necessario che ne sia cosciente. Ecco l’elenco delle mie risposte alla domanda << perchè vuoi studiare?>>. <<Perchè…:

  1. se faccio questi esami mi avvicino alla fine dell’università>>
  2. finire l’università mi farà pensare a fare soldi>>
  3. finire l’università mi farà essere formalmente uguale a mio padre e tutti i miei fratelli>>
  4. finire l’università sarà un grandioso risultato>>
  5. finire l’università darà coerenza e forza al tatuaggio “1” che ho sul braccio>>
  6. finire l’università mi darà la forza di dire “sono riuscito a fare l’impossibile”>>
  7. finendo l’università avrò un “dott.” dietro al mio cognome se voglio>>
  8. se finisco l’università chi non crede in me crederà un po di più>>
  9. ogni esame rafforza la mia veste sociale e credibilità alla mia persona>>
  10. sarò ritenuto rispettabile da chi da valore a queste cose>>
  11. se faccio questi due esami rendo mia madre felice>>
  12. se finisco l’università mia madre sarà piena di gioia>>
  13. l’emozione che segue alla promozione è una delle più potenti che io abbia mai provato>>
  14. la sensazione di aver portato a casa un risultato tramite la promozione è bellissima>>
  15. superare gli esami mi fa sentire fico>>
  16. ogni esame che faccio miglioro le mie capacità di studio e di esposizione delle materie>>
  17. devo finire l’università per avere il cervello libero>>
  18. se finisco l’università posso trasferirmi all’estero>>
  19. finendo l’università mi libero dell’ultima connessione con l’Italia e sono libero di andare dove voglio>>
  20. se finisco l’università supererò Anthony Robbins e Jim Rohn entrambi “somari”>> 🙂
Advertisements